Il teatrino della politica | TDP

spettacolari burattini parlanti

Dal partito al Senatur: “tuo figlio è un bugiardo”. E spunta una cartella “The Family”

I giorni della resa dei conti nella Lega Nord? Molti non vedevano l’ora di poter attaccare Bossi ed il suo “cerchio magico”, come è stato soprannominato il suo stretto entourage. Il caso Belsito sta dando il via a faide, accuse, regolamenti di conti prima impossibili.

Delle concitate ore di riunioni in via Bellerio si è scritto molto in questi giorni. Un aspetto, però, è particolarmente significativo: la distanza dal vecchio Senatur con l’operato del figlio, a detta di molti quantomeno sconveniente.

Oggi su Repubblica possiamo leggere (qui l’articolo completo):

Muto e incredulo, Umberto Bossi, davanti ai suoi colonnelli della Lega Nord che per la prima volta gli dicono che è tutto vero. Anche se lui – assicurano – non sapeva nulla.

Vere le contestazioni degli inquirenti sui soldi della Lega serviti per ristrutturare la casa di Gemonio o per comprare il macchinone a Renzo. Glielo dicono in via Bellerio, durante la drammatica riunione della segreteria politica […]. E hai voglia, il vecchio capo, a smentire e negare.

Come quando […] Bossi assicura che il Trota sta studiando Economia e che la laurea è vicina: “Mi ha fatto vedere il libretto”. Ma i suoi insistono, e quando un leghista di rango gli fa notare che non è così, all’Umberto sembra franare il terreno sotto i piedi.

E la stessa scena si ripete sulla storia della Bmw di Renzo: “Mi ha detto che la sta pagando in leasing”. Vero niente, è la replica, “al di là delle responsabilità personali tutte da accertare, le accuse dei pm sono fondate”. È a questo punto che Bossi si attacca al telefono, i tratti del volto quasi sfigurati dalla rabbia. Chiama Renzo, poi decide di mollare la riunione e di fiondarsi a Gemonio: dalla Manuela e dai figli, pesantemente lambiti dalle inchieste di tre Procure”.

E spunta in cassaforte una inquietante cartella con la scritta “The Family”, che si ipotizza contenga buona parte delle uscite ipotizzate illecite a favore dei Bossi.

Buon divertimento!

Annunci

Una risposta a “Dal partito al Senatur: “tuo figlio è un bugiardo”. E spunta una cartella “The Family”

  1. Pingback:Dopo Berlusconi, anche Bossi vuol tornare? « Il teatrino della politica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: