Il teatrino della politica | TDP

spettacolari burattini parlanti

Archivi Mensili: dicembre 2012

Monti scende in campo con il Centr(in)o come quarto uomo?

mario-monti1-20-12-2012.jpg1Da risorsa della Repubblica a frontman della quarta forza politica? Mario Monti sembra aver preso la decisione di appoggiare apertamente il Centro ma tutti i sondaggi lo danno per sonoro perdente.

Sono ormai innumerevoli le voci, infatti, che giurano certa la strada della politica attiva per SuperMario. Nulla di esecrabile o da obiettare. Ma le prospettive elettorali sembrano essere piuttosto nefaste per il Prof. bocconiano.

Secondo gli analisti politici, alle prossime elezioni lo schieramento benedetto da Monti dovrebbe essere soltanto la quarta forza in campo dopo centro-sinistra, grillini e galassia-Berlusconi. Anche se Lorien Consulting, ad esempio, dà una percentuale di voti possibili stimata in massimo il 21%.

Un po’ poco per attuare l’agenda con un pacchetto di «riforme epocali». Magari abbastanza per complicare ancor di più il già fragile quadro politico-istituzionale.

Quale che sia il risultato elettorale, l’iter della discesa in campo sembra sia questo (dal Corriere di oggi):

“due step iniziali: prima la presentazione di un manifesto programmatico, intorno al quale raggruppare partiti, movimenti e personalità politiche che sostengono Mario Monti; successivamente sciogliere il nodo sulle modalità della discesa in campo: lista unica o federazione. La scelta di una lista unica, almeno secondo alcuni studi condivisi ieri mattina con Casini, potrebbe avere degli effetti virtuosi in termini di consenso, «sino al 10% in più dei voti che riscuoterebbero liste separate»”.

Buon divertimento (con il pallottoliere)!

Annunci

La pornostar Lea Di Leo ed il libro che fa tremare politici e vip

Sesso e politica, un binomio perfetto.lea_di_leo_14-12-2012

Riprendiamo un succulento articolo di  Francesco Alberti, oggi sul Corriere:

I calciatori, gli attori e le pornostar: noi ricattati

Le memorie di Lea Di Leo e i contatti con i personaggi noti. Il senatore Baldassarri: mai conosciuto quella donna

«Sono a New York, la sento male…». Senatore Mario Baldassarri, mai conosciuta una certa Lea di Leo, ex pornostar e regina delle hot line, detta anche lady 899? «Mai conosciuta!». Senatore, ha capito il nome? […] Questa signora cita il suo nome («Quale nome? Accidenti, sento male…». «Il suo, senatore Baldassarri») in un libro, diciamo così, di memorie erotiche […]. Il libro, senatore, è stato scritto in due versioni (una con le iniziali dei nomi e l’altra completa), ma non è mai stato pubblicato. In compenso, il presidente e il direttore della casa editrice Imart (Giuseppe Aleci, 36 anni, e Gaspare Richichi, 28) sono sotto processo a Marsala con l’accusa di tentata estorsione: avrebbero ricattato una trentina di vip (tra calciatori e attori), chiedendo dai 10 ai 40 mila euro per cancellare dal libro nomi e dettagli scottanti. Per farla breve: la signorina è parte lesa (fu lei a denunciare l’editore quando venne a sapere, grazie al programma «Le Iene», l’uso che veniva fatto della sua opera), i presunti ricattati sono le vittime e la storia sta facendo il giro di bar e barbieri. Senatore, la signorina Di Leo, al secolo Sonia Faccio, ha fatto anche il suo nome in aula. «Se è così, la querelo!!»: si scalda il parlamentare, 66 anni, in squadra con i finiani, ex viceministro dell’Economia e ora presidente della commissione Finanze […].

Eppure fece tremare reputazioni e qualche matrimonio, nella primavera 2010, l’annuncio dell’imminente uscita della biografia della Di Leo. «Farò i nomi di politici, calciatori e cantanti…» cinguettò lei […]. Detto e fatto: calciatori come Massimo Ambrosini, Marco Borriello, Luca Toni; cantanti come Gianluca Grignani e Fabri Fibra; attori come Matteo Branciamore (il Marco nei Cesaroni ); perfino un vescovo «con le croci al collo». Ci si buttò anima e corpo, la bella Lea, nell’impresa letteraria. Ad un’amica insegnante, che la aiutò, si deve l’idea di catalogare le prestazioni dei partner secondo pagelle dai parametri di inequivocabile oggettività: «durezza, dimensione, durata». Mentre è di Lea il copyright delle colorite fattispecie che ossigenano l’opera: l’amante «del sesso veloce nei boschi» tipo coniglio arrapato; il gran palpatore di seni; il bisex; lo specialista in ammucchiate. Un libro fantasma. E dai fantasmi si scappa. Marco Borriello, bomber del Genoa, racconta: «Ricordo la Di Leo a una festa 2 anni fa. C’era anche Ambrosini. Non ricordo di averle rivolto la parola. Tempo dopo, ricevemmo una lettera in cui si parlava del libro e ci chiedevano soldi. Presentammo denuncia a Trapani». Il cantante Gianluca Grignani: «Un giudice di Marsala mi disse che la Di Leo era stata con uno del mio staff. Poi ha però usato il mio nome». Luca Toni, centravanti della Fiorentina: «Gira da un po’ questa storia. Ho diffidato la signora e lei mi ha assicurato che nel libro il mio nome non c’è». L’attore Matteo Branciamore non parla: è l’unico che si è costituito parte civile nel processo di Marsala.

Buon divertimento!

Berlusconi torna in campo: cosa ne pensate? (sondaggio)

Berlusconi-06-12-2012Mi si nota di più se torno in campo o se vado in vacanza in Kenia da Briatore? Questa è la domanda che Silvio nostro, da settimane e mesi, continua a porsi.

Ora sembra aver trovato una risposta: si ricandida.

Costretto a tornare, ha dichiarato. Ma da chi? A 76 anni ancora cerchiamo un qualcosa di altro (magistratura, comunisti, “Angelini Alfani” che non ce la fanno a decollare) per giustificare la sua ricandidatura?

Il Pdl, come ha scritto Ferruccio De Bortoli oggi, è pieno di naufraghi che si ammazzano l’un l’altro ed il “novello” candidato Silvio non potrà che avere un effetto di accelerazione del bing-bang (anche del governo Monti).

Buon divertimento!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: