Il teatrino della politica | TDP

spettacolari burattini parlanti

Archivi Mensili: agosto 2013

Parlamentari del PD contro il gioco del Monòpoli!

Nonostante l’aria frizzantina che agita il governo, alcuni parlamentari del PDmonopoli-23-08-2013 sembrano annoiarsi a morte. Tra una partita con l’iPad ed una assenza, alcuni di questi hanno pensato bene di sudarsi il loro stipendio.

Per la precisione gli onorevoli Michele Anzaldi, Marina Berlinghieri, Matteo Biffoni, Luigi Bobba, Lorenza Bonaccorsi, Federico Gelli ed Ernesto Magorno, hanno affidato al Corriere una lettera accorata: fermiamo la nuova versione del Monòpoli, il famoso gioco da tavolo. Appello rivolto all’ambasciatore Usa che, si spera, corra da Obama per la importante ed urgente questione.

“Si passa dall’acquisto di immobili alla speculazione in Borsa e inoltre, novità decisamente preoccupante, sarebbe stata abolita la casella della prigione“. Abolita la prigione? Vuoi vedere che c’è lo zampino di un certo signore di Arcore?

Come non capirli, i signori del Parlamento. Gioco con l’iPad alla versione digitale del Monopoly e non ci sono le patrie galere? Ma in che mondo senza legge e magistrature democratiche viviamo?! Si reinseriscano senza indugi speculazioni immobiliari alla Ricucci e, soprattutto, manette tintinnanti.

Buon divertimento!

Ma sono pochi 4.500 euro netti al mese? Per Ignazio Marino sì

Non sarà stato il primo (e, ci giuriamo, non sarà neanche l’ultimo), ma Ignazio Marino, novello sindaco di Roma con il pallino delle pedonalizzazioni, non l’ha presa bene aprendo la sua busta paga: un netto di circa 4.500 euro al mese.

In effetti, se contiamo che in passato Ignazio nostro ha svolto la professione di chirurgo prima e di parlamentare poi, quella cifra gli deve essere sembrata una bazzecola.

“Amministriamo bilanci miliardari e responsabilità enormi”, dice il sindaco della Capitale. Forse non ha tutti i torti. Forse. E comunque avrebbe potuto informarsi prima, gli stipendi dei sindaci sono di pubblico dominio.

Riflettiamo un attimo sulla cifra: certamente una grande responsabilità merita alte soddisfazioni economiche; essendo una carica pubblica così in vista ed oberata di impegni, sembra giusto che lo stipendio sia consono. 4.500 netti sono sufficienti? Probabilmente sì, anche viste le agevolazioni di cui godi ricoprendo tale carica. Poi, se ti aspetti di diventar ricco facendo il sindaco, è probabile che ti sia fatto male i tuoi conti.

Piuttosto è noto come in Italia ci sia qualcosa che non va nell’equilibrio degli stipendi tra cariche: se è vero che un sindaco di una città medio-piccola riesce ad ottenere una indennità nell’ordine dei 2.000 euro, ci son presidenti di regione che guadagnano come e più di Obama (v. Crocetta in Sicilia) e vecchie cariatidi della politica che, sommando cariche, indennità e pensioni, arrivano a guadagnare al giorno quasi quanto Marino prende al mese (vogliamo citare il solito Giuliano Amato che, bontà sua, percepisce un bel totale di 31mila euro al mese?).

Sotto, ripresa dal Corriere, trovate un rapido confronto tra due sindaci (Marino e Renzi) e due presidenti di regione (Maroni ed Errani).

pop_stipendi

Ad ognuno il suo giudizio e… buon divertimento con il vostro stipendio!

Processo Mediaset. Notte prima della sentenza. Sms degli amici.

Ripreso dal profilo Facebook di Valerio Vestoso, con i complimenti del TDP per il livello di quanto sotto.

Buon divertimento!

Processo Mediaset.
Notte Prima della Sentenza.
SMS degli amici.

-Comunque vadano le cose, resterai sempre il nostro leader. (Enrico Letta)
-Fammi sapere a che ora arrivi. (Bernardo Provenzano)
-Ancora non mi accreditano il bonifico di Luglio. Gentilmente provvedi. (Veronica Lario)
-A casa tifiamo tutti per te. Un bacio grande anche da zio. (Ruby)
-Stiamo sulla stessa barca. Ti abbraccio guagliò. (Francesco Schettino)
-Tranquillo, hai una vita per rifarti. (Nicole Minetti)
-Vaffanculo! (Beppe Grillo)
-Vaffanculo! (Angela Merkel)
-La vedo male. (Maurizio Gasparri)
-Presidente siamo con te! Saluti da Formentera. (Daniela Santanchè)
-Avessi preferito che ti avrebbi imprigionato io. Ma va bene anche così (Antonio Di Pietro)
-Se te ne vai ora, io chi espello? (Angelino Alfano)
-Non ti ho cantato io. (Mariano Apicella)
-La caducità delle virtù umane trova sfogo nel coacervo delle emozioni _ inviato da Aforismi.it (Nichi Vendola)
-Ti porto sempre dentro di me! In culo alla balena. (Giuliano Ferrara)
-Pensi davvero che “L’Italia è il Paese che amo” funzioni ancora come inizio? (Matteo Renzi)
-Ma veramente rischi il carcere? L’ho saputo soltanto ora. (Claudio Scajola)
-C’è ancora il letto come l’hai lasciato tu. (Vladimir Putin)
-Mangano poche ore. (Marco Travaglio)
-Vodafone ti informa che Francesca ha disattivato la promozione You&Me. (Messaggio di servizio)
-Abbi me. (Emilio Fede)
-No, arance niente. Mi avanzano solo banane, appena posso te le porto. (Roberto Calderoli)
-Stai tranquillo, stasera parliamo della depressione da cellulite. (Bruno Vespa)
-Usa solo sapone liquido. Ripeto, solo sapone liquido. (Fabrizio Corona)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: