Il teatrino della politica | TDP

spettacolari burattini parlanti

Archivi Mensili: settembre 2013

Il lato B dichiara: “We Want Renzi”

Tre modelle (come al solito troppo magre, ma questa è altra storia), tre fondoschiena, un messaggio: “We Want Renzi“.

we-want-renzi-23-09-2013

La provocazione è andata in scena a Milano durante la sfilata del marchio di costumi Pin up stars. Ed ha ottenuto proprio quel che voleva: far parlare del brand.

Alla cosa si sono interessati illustri personaggi, non ultimo il noto Arfio Marchini, il candidato sindaco di Roma alle scorse elezioni, nonchè vip e uomo dallo stile incommensurabilmente elevato. Per i pochi che non conoscessero Arfio, qui la sua pagina Facebook e qui un po’ di retroscena.

Arfio ha sentenziato: “C’è molta attenzione intorno a Matteo Renzi che si manifesta in forme molteplici che hanno come unico comun denominatore l’essere trash. Qui viene esposto il famoso fattore “C”, anche detto “cool”. Fattore ti analizzo. Roma ti amo”.

Non è questione politica, ma di stile. Arfio ha a cuore la battaglia contro il trash e noi siamo con lui.

Brutto ti addito, Arfio ti stimo.

Buon divertimento!

Ignazio Marino, il sindaco lazial-romanista

Secondo voi questa foto fa acquistare o perdere voti?

Buon divertimento!

ignazio-marino-roma-lazio-17-09-2013

Primarie Pd: ora il favorito è Letta e non più Renzi

Renzi-Letta-13-09-2013Primarie sì, primarie no, primarie fantasma… Parafrasando una canzonetta degli Elio e le Storie Tese, vi parleremo del Pd.

E sì, perché ci si trastulla solo con le vicende del condannato Silvio; siccome ne abbiamo piuttosto piene le tasche, concentriamoci per 3 minuti sul congresso che non arriva mai del Partito Democratico e, idem come sopra, delle primarie. Si faranno, questo sì, ancora non si sa bene quando.

I due pretendenti al trono, come arcinoto, saranno l’attuale premier Enrico Letta e il Fonzie di Firenze Matteo Renzi. Tutti hanno dato per vincente il sindaco per mesi e mesi e invece… sorpresa!

La Stampa ha pubblicato un sondaggio dell’Istituto Piepoli dal quale emerge come vincitore la testa d’uovo di Letta, 48% di preferenze contro il 44% di Renzi.

Ne passerà di acqua sotto i ponti dell’indecisione congressual-primaria, ma già questa indicazione è di per sé una notizia.

Buon divertimento!

Silvio ha già registrato il video della rottura. «Non si può stare a letto con il nemico»

silvio-berlusconi-commosso - 05-09-2013Il Governo Letta cade? No, sta in piedi. No scherzavamo, cola a picco.

Sia come sia, voci piuttosto insistenti danno per già registrato il videomessaggio della rottura da parte del Cavalier Berlusconi. Si sta solo temporeggiando, dando una regolata ai falchi ed attendendo le reazioni del Pd (a dire il vero piuttosto compatto, salvo rari casi… e questa è una novità).

Oggi Verderami sul Corriere così scrive:

“«Non si può stare a letto con il nemico», sostiene Berlusconi. Il punto è che nel Pd Berlusconi non viene più visto come «il nemico», cioè come il competitore, avversario alle prossime elezioni. Lo sanno anche nel Pdl, dove si discute di tutto ma non si dice ciò che non può esser detto: il Cavaliere è fuori gioco, e prima o poi bisognerà fare i conti con la novità. Le piccole beghe di potere alla corte di Versailles, la lotta per le stanze nella nuova sede, sono l’anticipazione di ciò che sarà e che non è ancora. Per esempio, come farebbe Berlusconi a gestire il ruolo di capo della coalizione in campagna elettorale, se persino per un’intervista dovrebbe chiedere l’autorizzazione al magistrato?
Eppure c’è un motivo se il Cavaliere non demorde, se resta l’alfa e l’omega per un partito che sta per cambiare. Perché il passaggio a Forza Italia è pronto, sarà a immagine e somiglianza del «presidente», e non prevederà l’azzeramento della squadra, visto che al fianco del leader verrà riproposta la stessa struttura apicale del Pdl, con Alfano alla guida di un comitato ristretto di cui faranno parte i coordinatori Verdini e Bondi, i capigruppo Schifani e Brunetta, e il tesoriere Crimi. Somiglia tanto a una macchina elettorale, che non si sa se e quando potrà andare in pista. Di sicuro non sarà più pilotata da Berlusconi“.

Non sarà pilotata da Berlusconi? Non ci giureremmo.

Buon divertimento!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: